Community Forum Contest e iniziative Blender Italia Contest Contest artistici mensili Blender Italia Contest (BIC) 01-2024 “Un viaggio inaspettato” Rispondi a: Blender Italia Contest (BIC) 01-2024 “Un viaggio inaspettato”

andcamp
Moderatore
@andcamp
#883441

Risultato delle votazioni:

È stato assegnato un punteggio secondo questi parametri:

  • Concept o Storytelling: l’originalità dell’idea o la capacità di raccontare una storia
  • Modellazione: qualità e dettaglio della modellazione
  • Materiali e texture: qualità dei materiali e delle texture
  • Illuminazione: qualità dell’illuminazione della scena e del/i soggetto/i
  • Post-processing: complessità e qualità del compositing ed eventuali effetti speciali (VFX)

I punti assegnati si basano sulla seguente metrica:

  • 1 = Insufficiente
  • 2 = Sufficiente
  • 3 = Buono
  • 4 = Ottimo
  • 5 = Eccellente

Prima verranno assegnati i punteggi e poi separatamente un giudizio finale

 

 

IBF71:

Concept/Storytelling = [3,75]

Modellazione = [4]

Materiali e texture = [3,75]

Illuminazione = [2,25]

Post-Processing = [2]

 

Punteggio riassuntivo: 3,15

 

Elaborato conforme con il tema proposto. Ottima l’idea di riprodurre la scena come un dipinto d’epoca. Stona il cartello dei bagni che sposta l’attenzione dal quadro. Sarebbe forse stato meglio inquadrare il solo quadro o la scena per intero visto che rappresenta il tema del Contest.

Tutto un po’ troppo beige/arancione (vagoni, cornice, muro … la testa del punk se non fosse per la cresta verde a prima vista neanche si noterebbe).

Buona la modellazione. Non sembra siano presenti delle porte per entrare nelle carrozze. Da curare la maglietta del punk, seguendone di più l’anatomia.

Troppo uniforme la cresta del punk sia in modellazione, in genere è raccolta a ciuffi anche nei casi più uniformi, che nel colore. Infelice la scelta del colore del resto dei capelli che non contrasta bene con quello della pelle del giovane, prolungando così l’uniformità arancione.

L’interessante effetto spatolato della pittura su muro e arco indiano assume una direzione quasi radiale, ciò aumenta l’attenzione sul centro della scena, ma risulta strano sia nel caso fosse riferito al muro vero e proprio sia ad eventuali pennellate del pittore.

Nel quadro la direzione dell’illuminazione dà degli interessanti spicchi sul muro/arco opposto, però rende anonime le finestre sulla sinistra e non offre riflessi sulla ringhiera; inoltre il cielo sembra illuminato da una luce inferiore rispetto a quella che entra dalle aperture.

L’effetto quadro è riuscito, manca di un po’ di riflesso sulla pittura rispetto delle luci del museo.

Un buon lavoro con qualche aggiustamento da apportare.

 

 

 

 

OlivieroC:

Concept/Storytelling = [4]

Modellazione = [3,75]

Materiali e texture = [3,5]

Illuminazione = [3]

Post-Processing = [1,75]

 

Punteggio riassuntivo: 3,2

 

Molto ben realizzata l’ambientazione della scena ed in linea con il tema. Stona leggermente il materiale della carrozzeria, troppo lindo per aver attraversato il tempo e piombato sul terreno polveroso di una vecchia cittadina del Far West (era di acciaio inossidabile, anche se di diversa tonalità, ma quasi sempre ghiacciata o sporca).

Da rivedere la forma del modello dell’auto (anche con l’aggiunta dei suoi tubi/cavi laterali).

Strada fin troppo piatta con poca polvere; sassi in primo piano un po’ troppo squadrati e sembrano appena appoggiati visto il confine netto con il terreno. (Di non facile interpretazione l’oggetto posto in alto a sinistra della bacheca degli avvisi)

Il resto si vede poco, peccato perché avrebbe potuto risaltare anche per i materiali. Forse qualche ripetizione nei recinti.

Da aggiungere polvere o nebbiolina sotto i reattori/sospensori dell’auto.

L’idea è buona e ben sviluppata, da lavorarci su ancora un po’.

 

 

 

 

Claudio Luisoni:

Concept/Storytelling = [3,5]

Modellazione = [3,75]

Materiali e texture = [3,75]

Illuminazione = [3,5]

Post-Processing = [2,25]

 

Punteggio riassuntivo: 3,35

 

Pertinente al tema del viaggio anche se, confrontandolo con il testo, non è proprio ben descritto nella scena l’inaspettato. Sarebbe stato differente il caso di una persona che è andata a portare il bagaglio nel vagone, ma poi il treno è partito improvvisamente, lasciando lì il trolley.

Buona modellazione e materiali in generale.

Vagoni e oggetti sembrano ben modellati, forse un po’ troppo accentuati gli infissi dei finestrini, panchine forse un po’ dense. (Il wireframe confuso non permette una facile interpretazione)

Non convince la “linea gialla”, che dovrebbe essere di materiale meno metallico perché dipinta, né il pezzo di banchina più esterna, con “piastrelle” troppo disconnesse; la luce radente ha poi accentuato l’effetto.

Buona l’illuminazione, tramonto ben rappresentato.

DOF ben posto e in armonia con illuminazione e riflessi.

 

 

 

Fenix:

Concept/Storytelling = [2,75]

Modellazione = [2,75]

Materiali e texture = [2,25]

Illuminazione = [1,75]

Post-Processing = [1,5]

 

Punteggio riassuntivo: 2,2

 

Non è ben chiaro il tema del viaggio dall’immagine piuttosto scura in generale, magari una diversa inquadratura incentrata sul personaggio in basso poteva rendere maggiormente l’idea. Anche perché sia il Monte Fato che Barad-dûr sono due strutture gigantesche, quindi bisognava agire sia su inquadratura (abbassando appunto un po’ la camera, inquadrando più da vicino Frodo) che DOF per aumentare il senso di altezza e distanza.

Il Monte Fato è sempre rappresentato come la montagna (vulcano) più alta, quindi non ci dovrebbero essere catene montuose sovrastanti dietro.

Le rocce si presentano come slegate e ripetute, lo si nota dalla piccola protuberanza presente sopra ogni roccia. (Forse era meglio lasciare la nebbia presente in #881936 per nascondere tali difetti)

Materiali rocciosi non molto convincenti o evidenti.

La lava andava bene in #881956 anche se da rendere più rossa e meno accesa (forse da regolarla con il compositor), da aggiungere striature di rosso all’occhio.

Il modello di Frodo e l’idea della luce dell’anello potevano andar bene, però si doveva illuminare solo il viso e parte del torace, non anche i piedi in modo tutto così uniforme.

C’è ampio spazio di miglioramento.

 

 

Classifica:

 

1° classificato Claudio Luisoni                                con 3,35 punti
2° classificato OlivieroC                                             con 3,2 punti
3° classificato IBF71                                                 con 3,15 punti
4° classificato Fenix                                                    con 2,2 punti